YarT
projects




Being Gay in Russia

In occasione del festival Bologna Pride 2014 YarT Photography presenta

Being Gay in Russia

Mostra fotografica di Egor Rogalev

a cura di Yulia Tikhomirova e Sara Casna / YarT Photography

Opening 26 giugno 2014 alle 17.00, via Sant'Isaia 18, Istituto Parri, Bologna

L'11 giugno 2013 la Duma di Stato della Federazione Russa ha approvato la legge che vieta la promozione dei rapporti sessuali "non tradizionali" tra i minori. La legge prevede sanzioni per la diffusione di informazioni finalizzata alla formazione di una "visione distorta dell'equivalenza sociale delle relazioni tradizionali e non tradizionali" tra i minorenni.

In base alla legge, gli individui saranno puniti con una multa se la promozione di rapporti non tradizionali venga effettuata attraverso i media o su Internet. Per le persone giuridiche l'importo della multa può arrivare fino a centomila rubli (circa duemila euro). I cittadini stranieri condannati per la promozione di rapporti non tradizionali possono essere allontanati dal territorio russo. La legge federale che vieta la promozione dei rapporti "non tradizionali" si basa su leggi regionali simili in vigore in molte città russe, tra cui San Pietroburgo.

Egor Rogalev ha fotografato le coppie omosessuali di San Pietroburgo (la città che per prima ha approvato la "legge contro i gay") indagando sulle possibili conseguenze della legge sulla vita delle coppie omossesuali. A causa della politica omofoba del governo Putin sono drasticamente aumentati i casi di violenza contro gli attivisti per diritti gay.

Le fotograie sono accompagnate dalle osservazioni scritte sulle conseguenze della nuova legge dalle persone ritratte. I protagonisti hanno risposto a tre domande fatte dal fotografo: Come pensi possa infuire la nuova legge "contro i gay" nella tua vita personale e nella società? La legge ha già in qualche modo condizionato la tua quotidianità e le tue relazioni sociali? Come pensi di tutelarti in futuro e che strumenti adotterai per contrastare questa politica omofoba del governo russo?

La mostra sarà aperta al pubblico dal 26 giugno al 7 luglio presso l'Istituto Parri, via Sant'Isaia 18, Bologna.

Le fotografie esposte sono in vendita. Per informazioni contattare:

Yulia Tikhomirova, curatrice YarT Photography • cell: 3400002112 • info@yartproject.com

©YarT Photography. All rights reserved.

Egor Rogalev è nato a Leningrado (San Pietroburgo) nel 1980. Laureato in Giornalismo presso l'Università Statale di San Pietroburgo, ha iniziato la sua carriera di fotogiornalista come freelance, collaborando con varie testate nazionali e internazionali. Il suo lavoro affronta le tematiche che esplorano la trasformazione del paesaggio urbano e sociale sul territorio post-sovietico.

Esposizioni:

  • On the block – group exhibition at New Holland cultural center (2013, Saint Petersburg)
  • Bratislava portfolio review slideshow of the finalists (2013, Slovakia)
  • Copenhagen photo festival (2013, Denmark)
  • Photovisa international photography festival (2013, Krasnodar, Russia)
  • Faraway, so close! - Passion&Profession, Bologna 2012
  • Fotofestiwal Lodz (2012, Poland)
  • Termin – group exhibition of young Russian artists in Central Artists House (2012, Moscow)
  • Aspect – group exhibition (2012, Ireland)
  • A Perfect Dream - Arte Fiera Bologna (2011)

Yulia Tikhomirova, fotografa, curatrice e docente originaria di San Pietroburgo che attualmente risiede a Bologna. Laureata in Scienze della comunicazione all'Università Statale di San Pietroburgo e in Fotografia all'Accademia di Belle Arti di Bologna, ha frequentato il Corso di Alta Formazione per Photo Editing organizzato dal settimanale Internazionale presso Luiss Business School di Roma. Tikhomirova inizia la sua carriera giornalistica a San Pietroburgo pubblicando materiali sull'arte per varie testate. Successivamente diventa redattrice della sezione culturale del mensile russo-tedesco St-Petersburgische Zeintung. Ha trascorso tre anni in Svizzera a Berna lavorando presso Swiss Radio International in qualità di redattrice. Trasferendosi in Italia si è concentrata sul lavoro curatoriale ed ha collaborato con varie realtà fotografiche. Attualmente insegna Progettazione fotografica per comunicazione visiva per diversi enti di formazione, cura mostre ed eventi fotografici per YarT Photography, è responsabile del dipartimento Educational di 10b Photography di Roma, si occupa dei progetti formativi Workshop fotografico a San Pietroburgo e Mosca e Fresh! – Giovani fotografi italiani.

Sara Casna si avvicina alla fotografia fin da bambina, grazie alla passione del padre che le insegna i primi passi. Ha studiato presso la scuola Fondazione Studio Marangoni e si è diplomata successivamente all'Istituto Italiano di Fotografia. Dal 2009 al 2011 ha lavorato come fotogiornalista per un quotidiano italiano, occupandosi della cronaca locale. Attualmente collabora con varie associazioni fotografiche e parallelamente si dedica a progetti di reportage sociale nel territorio italiano. Ha esposto al Centro Italiano della Fotografia d'Autore, in seguito alla selezione per la prima Biennale dei Giovani Fotografi Italiani, al 2° Festival Fotografico Italiano sezione "Sguardi al Femminile" e al Festival FotografiaEuropea.

Per informazioni

info@yartproject.com

(Le stampe sono state realizzate da Angelo Scelfo www.fineartprintsandproofing.com)